"La scuola di guerra della vita", Friedrich Nietzsche:

Quel che non mi uccide, mi rende più forte"

(Friedrich Nietzsche, Crepuscolo degli idoli, 1888)

"Se dopo aver accompagnato tuo figlio in palestra, aspettando seduto nello spogliatoio e pensando alla gara del giorno prima, con la calcolatrice del cellulare cominci a calcolare:

- a che passo avresti dovuto correre per arrivare cinque minuti prima;

- che tempo avresti fatto se ai 10 chilometri fossi arrivato ad una media inferiore di 5 secondi al chilometro;

- a che media affronterai la prossima gara volendo migliorare il tuo PB di almeno 10 minuti

allora le possibilità sono due: o sei un runner o sei cerebroleso, e non è detto che una escluda l'altra....”
(orzo)
....certo che noi runners siamo proprio strani....
clicca sull'immagine qua sotto

mercoledì 28 dicembre 2011

Hai voluto le scarpe ??


….parafrasando la meglio nota “hai voluto la bicicletta ??” ed adattandola a quegli strani bipedi che si divertono a faticare, meglio se in salita, senza l’utilizzo del mezzo a due ruote.

Quali scarpe ?? Queste,


che Babbo Natale mi ha lasciato sotto l’albero, insieme ad un magnifico paio di Booster.
Asics Trabuco nell’edizione 14: “un nome una garanzia”, come confermato dalle migliaia di trail runners che le utilizzano.
Appena provate le ho sentito bene addosso; poi mi sono sembrate troppo grandi, non mi convincevano più, nonostante avessi indossato un paio di calze più spesse…. incontro sempre problemi a trovare il numero giusto, complice la differenza di lunghezza di sei millimetri tra il piede destro e quello sinistro.
E già, perché se le prendo più grandi di mezzo numero, per farci stare bene il piede più grande, l’altro piede balla, visto che se la scarpa è più lunga è anche leggermente più larga….
Alla fine mi sono convinto e le ho tenute, considerando anche il fatto che il mezzo numero più piccolo mi stava troppo giusto e correndo in discesa probabilmente avrei toccato la punta delle dita sulla tomaia.
Speriamo bene.

Esco invogliato dalla magnifica giornata di sole e mi dirigo sull’Altipiano carsico, così con la scusa della corsetta per provare le scarpe faccio anche qualche foto: la luce che c’è in questa stagione è unica e bisogna sfruttare l’occasione.
A quindici minuti da casa ho il Monte Concusso ed i suoi 674 metri di quota.
Il sentiero per la cima percorre i 270 metri di dislivello in un fitto bosco di latifoglie, che durante l’estate assicura dei piacevoli tratti all’ombra, mentre in questa stagione consente di godere di scorci incantevoli.









Verso i 500 metri di quota qualche traccia di neve,




ed appena sotto la vetta qualche biker



che scende il ripido versante.





Dopo venticinque minuti e due chilometri e mezzo sono in cima, e sembra primavera.
Il Taiano, laggiù, è “verde”,


nonostante i suoi 1.000 metri di quota, e nemmeno il Nanos,

a 1.200 metri, è diverso.


(Ha scattato o no ?? non so mai….)

Discesa verso Grozzana, mentre si sta preparando un bel tramonto.



E dall’altra parte lo sguardo può spaziare dal Golfo di Monfalcone alle Alpi Giulie, “rigorosamente” sgombre dalla neve !!





Sono di nuovo a quota 400 metri, da dove sono partito, ed in breve arrivo alla macchina.



E lungo la strada del ritorno non posso fare a meno di fermarmi, per godere di questa splendida vista….(ingranditevela !!)




Undici chilometri in un’ora e mezza, bel giro !!








Le scarpe ?? bah boh mah….forse fanno un po’ troppo "scarpone", mi ci devo abituare; di certo offrono un’ ottima protezione, al contrario di queste, con le quali sento anche il minimo sassolino sotto le suole.

4 commenti:

  1. Ho gli stessi problemi con la lungezza dei piedi. Ma, e meglio comprare le scarpe da corsa un po piu grandi, sono sicura!
    E quando devo comprare nuovo paio, per me e un incubo! Non voglio piu le Nike, ma neanch non ho voglia di stare ore e ore nel negozio e provare vari modelli. Forse comincio a correre "barefoot" :-)
    Mojchka (da RunKeeper)
    P.S.: Il Carso e belissimo e ci voleva un po che capisco, che Concusso e Kokoš :-)))))

    RispondiElimina
  2. Un pò di invidia, posti bellissimi, buon anno.

    RispondiElimina
  3. Posti fantastici!
    E poi le pubblicità Adidas che veramente trovo estremamente efficaci perchè hanno definito il circo di cui facciamo parte :)

    RispondiElimina
  4. la prima foto, quella con la macchina rossa e la cima sullo sfondo: inconfondibile Cocusso, quante volte sù di la!
    Buon 2012 di trail, con quelle scarpe!

    RispondiElimina